• BLOG DIDATTICO DI SOSTEGNO

    Si dice di solito "nero sul bianco" per marchiare negativamente qualcuno, io invece provo a cancellare questa macchia nera cercando di trasmettere non solo risorse ma anche valori umani. Se siete perplessi non preuccupatevi è un buon segno, in quanto la perplessità è l'inizio della conoscenza...

martedì 7 aprile 2020

Premesso che il materiale didattico e video consultabile in questo sito, a cura dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, deve essere considerato a scopo meramente dimostrativo, esso vuole esclusivamente fornire spunti e suggerimenti di cui i docenti possono liberamente scegliere di fruire o meno. I contenuti proposti consentono agli studenti di approfondire tematiche sportive, di educazione alla salute ed anche di effettuare attività motoria per mantenere un buon livello di forma fisica e di salute in questo periodo di quarantena. 

L’attività motoria proposta è semplice e globale, adattata alle diverse fasce di età, disegnata per il mantenimento delle capacità motorie ed in particolare la coordinazione, ed anche l’escursione articolare e la tonicità muscolare. Si specifica che tale attività è indirizzata (ad eccezione dell’A.F.A.) ad una popolazione studentesca sana, per cui soggetti con particolari problematiche fisiche devono astenersi dall’ esecuzione degli esercizi che coinvolgano gli apparati o le strutture corporee compromesse. 

Nel caso di alunni minorenni l’attività va svolta in presenza e con la supervisione dei genitori. 
L’esecuzione degli esercizi deve avvenire in totale sicurezza e cioè: 
1. Gli studenti devono indossare tuta e scarpe ginniche; 
2. Il pavimento non deve essere scivoloso; 
3. Non ci devono essere ostacoli o mobili vicini; 
4. Gli ausili utilizzati (sedia o altro) devono essere ben stabili; 
5. L’attività proposta dai video deve essere comunque svolta da chiunque volesse cimentarsi in essa senza rischi ed in condizioni di massima sicurezza. 

Quanto sopra premesso, l’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, i Dirigenti Scolastici e i Docenti declinano ogni responsabilità inerente eventuali infortuni, anche a terzi, derivanti dalla riproduzione degli esercizi mostrati nei video.

domenica 5 aprile 2020

La maggior parte dei computer portatili hanno la webcam integrata, però può sempre capitare l'intoppo... un mal funzionamento o una scarsa resa; usare la fotocamera del telefono al suo posto può avere anche dei vantaggi, ecco quali:
  • maggiore qualità video, con riprese più ampie;
  • capacità di muoverla in direzioni diverse per mostrare "scene" mirate (ad esempio un libro, una scheda didattica ecc.).
Per poter utilizzare la fotocamera posteriore di uno smartphone come una webcam per il computer, da usare per i programmi di video in diretta, è però necessario installare un'applicazione sul telefono ed un programma sul PC che faccia da collegamento.

Una applicazione gratuita per usare un cellulare come webcam per il computer è IP Webcam (Android). Nello stesso tempo, sul computer, bisogna scaricare ed installare IP Camera Adapter.
Prerequisito per far funzionare tale applicazione è che computer e telefonino siano connessi alla stessa rete Wifi.

Ecco come impostare il tutto... seguite le ISTRUZIONI:

Eseguire l'applicazione su Android per poter configurare alcune opzioni come qualità, risoluzione e password se la rete è usata anche da altri computer. Scorrere le opzioni fino alla fine e toccare dove è scritto Start Server per avviare la trasmissione video.
Sul computer, aprire il browser web e digitare l'indirizzo visualizzato sullo schermo del telefonino che dovrebbe essere del tipo: http://192.168.2.101:8080/videofeed.
Se tutto è andato bene (aprire il link del viewer), si vedrà la ripresa dalla fotocamera del cellulare sul browser del pc. Toccando il tasto Actions sul telefono è possibile lasciare la funzione webcam attiva in background così da poter utilizzare il cellulare per fare altre cose. Se ci fossero problemi, aprire IP Camera adapter dal menu Start di Windows, digitare l'indirizzo che si legge nel telefonino sul campo http://:/videofeed e fare clic sul pulsante Rileva. Nella stessa finestra scrivere nome utente e password se sono stati configurati sul cellulare. Così la fotocamera del cellulare diventa una webcam a tutti gli effetti.

Video TUTORIAL(forse è più chiaro):


Ecco altre applicazioni simili...
  • DroidCam (Android/Windows/Linux)
  • iVCam (iOS/Windows)
  • EpocCam (iOS/Windows/macOS)
  • IP Webcam (Android/Windows)
Ecco a voi un nuovo quaderno operativo di italiano, utile per la prima classe della scuola primaria. Esso propone attività molto semplici ed intuitive, gli esercizi (attività ludiche-laboratoriali) si presentano utili per il ripasso, come esercitazione o per chi mostra difficoltà nell'apprendimento è un valido strumento da adoperare.

Il testo tratta i principali argomenti previsti nella programmazione della classe prima ed è scaricabile gratuitamente!

Clicca qui per scaricarlo!


sabato 4 aprile 2020

Molti insegnanti mostrano difficoltà nell'uso delle tecnologie (programmi e software) e delle piattaforme per rendere fruibile le video lezioni a distanza. Una delle maggiori difficoltà è quella di non avere accanto materialmente una lavagna per mostrare, scrivere e illustrare le proprie attività didattiche. Basta avere un po' di dimestichezza e si può sperimentare come molte piattaforme (ad esempio Meet di Google) offrono la possibilità di "presentare" e quindi di trasmettere anche l'intera schermata del pc... come? Basta ridurre "ad icona" la piattaforma utilizzata e aprendo un programma di video scrittura come Word o di grafica come Paint il gioco è fatto... i vostri alunni avranno di fronte una vera lavagna "quasi interattiva". Un metodo più semplice ma più rudimentale è l'uso di uno specchietto... ecco come fare:

1. Bisogna per prima cosa impostare la videocamera che solitamente è settata su "mirror", cioè ti fa una riflessione ad asse "verticale". Bisogna togliere questa impostazione. 

2. Procurati uno specchio come questo qui sotto:










 3. Posizionalo a cavallo sopra la Cam del PC, e metti un po' di nastro adesivo nella parte posteriore... 





4. Posizione un quaderno o un foglio sopra la tastiera del pc e attiva la fotocamera o avvia il programma di video lezione. 







5. I bambini o i ragazzi vedranno la mano dell'insegnante che illustrerà l'attività didattica...




Un piccolo "trucco" in cui si può mostrare anche una scheda didattica o un libro.

venerdì 3 aprile 2020

Homemademamma.com è un sito che seguo spesso per i suoi contenuti semplici ma molto efficaci nella didattica anche laboratoriale. Tutto ciò è opera di Paola Misesti,  pedagogista e insegnante d'italiano a Zurigo.
In questa pagina, ma vi consiglio di visatare l'intero sito, propone così tante attività da stampare gratuitamente che è difficile definire dentro una categoria in particolare; le risorse spaziano dall'italiano alla matematica con attività alternative e laboratoriali, utili per la scuola dell'infanzia e per la scuola primaria. Molte attività sono così carine da essere adatte ai bambini con disabilità o difficoltà di apprendimento!

Un nuovo schedario da scaricare gratuitamente, utile per la classe terza della scuola primaria. In questa risorsa troverete 94 schede didattiche che trattano diversi argomenti con i numeri entro/oltre il 1000. Gli argomenti trattati riguardano: l'aritmetica, la geometria, mirure, logica e previsioni.
Schedario adatto ad essere stampato.

Clicca qui per scaricarlo!

giovedì 26 marzo 2020

Anche la casa Editrice PEARSON mette a disposizione una serie di schede didattiche ed ESERCITAZIONI ONLINE per la didattica di tutti i giorni per quella "a distanza".

I materiali didattici sono disponibili per Italiano, Matematica, Storia, Geografia, Scienze e Inglese...
Vi lascio l'indirizzo della pagina della casa editrice, vi basterà selezionare la materia di vostro interesse e avrete davanti gli occhi i relativi links per scaricare le schede in formato .pdf

La Casa  Editrice Ardea mette a disposizione dei docenti il seguente materiale gratuito.
Si tratta di schede operative scaricabili in formato PDF, volte a supportare l'esercizio dell'italiano, della matematica e di materie disciplinari come storia e geografia...

Clicca qui sotto per scaricare gli eserciziari!

🗒 Italiano 1⃣ 👉 https://we.tl/t-5D7IuQGrQB
🗒 Italiano 2⃣ 👉 https://we.tl/t-UvK9jd7A2j
🗒 Italiano 3⃣ 👉 https://we.tl/t-Z1iu0r0uYI
🗒 Italiano 4⃣ 👉 https://we.tl/t-TBkknVKebu
🗒 Italiano 5⃣ 👉 https://we.tl/t-32o0BFD66m

🗓 Matematica 1⃣ 👉 https://we.tl/t-2qHhutqCG4
🗓 Matematica 2⃣ 👉 https://we.tl/t-U0oeAB11y6
🗓 Matematica 3⃣ 👉 https://we.tl/t-w6KX8a4R1S
🗓 Matematica 4⃣ 👉 https://we.tl/t-KFDrTHMnFs
🗓 Matematica 5⃣ 👉 https://we.tl/t-96ZERep1my

🌎 Storia e Geografia 1⃣ 👉 https://we.tl/t-Qs2ToWr48l
🌎 Storia e Geografia 2⃣ 👉 https://we.tl/t-F7Scx1zDql
🌎 Storia e Geografia 3⃣ 👉 https://we.tl/t-JO2JoLIZgx
🌎 Storia e Geografia 4⃣ 👉 https://we.tl/t-ywW8H8NuSP
🌎 Storia e Geografia 5⃣ 👉 https://we.tl/t-xPgRF2nsnr

domenica 22 marzo 2020

Vi segnalo due quaderni operativi di religione per il I° e II° ciclo della scuola primaria. Questi materiali sono messi a disposizioni dalla casa Editrice Mondadori Education che risulta da sempre disponibile e anche solidale nel "cedere" gratuitamente alcuni testi in modalità digitale. 

Tali quaderni operativi si prestano molto bene come schedari o per la didattica a distanza (emergenza Covid 19).

Scarica gratuitamente i Quaderni Operativi, clicca qui sotto:
 


giovedì 19 marzo 2020

Ecco una risorsa progettata dagli insegnanti della Scuola Primaria Statale “Don Milani”dell'Istituto Comprensivo Carpi 3. Si tratta di un breve percorso sulla conoscenza e uso del CONGIUNTIVO
Dopo una breve introduzione e presentazione dell'argomento passa ad una serie di esercizi in grado di sviluppare le conoscenze e le competenze previste.

CLICCA qui per scaricarlo gratuitamente!
 

E' una risorsa progettata dalla Scuola Primaria Statale “Don Milani”dell'Istituto Comprensivo Carpi 3. Si tratta di un breve percorso di riflessione linguistica sull'uso del CONDIZIONALE.
Dopo una breve introduzione e presentazione dell'argomento passa ad una serie di esercizi in grado di sviluppare le conoscenze e le competenze relativamente all'uso del modo verbale.

CLICCA QUI PER SCARICARLO!

sabato 7 marzo 2020

star bene sempre cover VS
 
Nasce il piano Star bene sempre Giunti Scuola: per esservi ancora più vicini e per far sì che questa pausa sia un’occasione per rigenerarsi, ascoltare e ascoltarsi, ritrovare il senso delle cose… Ripensare la scuola e l’educazione.
 
Giunti Scuola mette a disposizione di tutti, insegnanti e famiglie, materiali e risorse che possono essere utili nel periodo di chiusura delle scuole. 
 
Ecco i materiali da scaricare, stampare, condividere. 

Scarica il PDF con i materiali multidisciplinari per la Classe prima
Scarica il PDF con i materiali multidisciplinari per la Classe seconda
Scarica il PDF con i materiali multidisciplinari per la Classe terza
Scarica il PDF con i materiali multidisciplinari per la Classe quarta
Scarica il PDF con i materiali multidisciplinari per la Classe quinta
Scarica i PDF (ZIP) con i materiali Italiano e Matematica di Didattica inclusiva
 
Iscriviti al gruppo Facbeook Star bene a scuola per scambiare opinioni, buone pratiche e per interagire con gli esperti Giunti Scuola!

domenica 16 febbraio 2020

Ecco a voi una serie di video, musiche e storie anche in formato testuale per raccontare l'autismo a scuola...


L’UNICORNO TRISTE, UNA STORIA PER RACCONTARE AI BAMBINI L’AUTISMO
Disegni semplici e colorati, nati da una progetto di tesi di un giovane illustratore autistico
“È una fiaba illustrata che affronta il tema dell’autismo infantile. Si rivolge ai bambini di cinque-sette anni, per avvicinarli alla diversità attraverso il racconto. Una nonna racconta alla nipotina la fiaba dell’unicorno triste, che si comporta in modo diverso dagli altri unicorni e che attraverso l’aiuto di una saggia tartaruga riesce a essere compreso e accettato dalla sua comunità. La scelta origina dalla mia esperienza personale di soggetto autistico. Il mondo degli animali mi ha sempre appassionato e l’unicorno è il mio animale fantastico preferito, per eleganza, dignità, maestosità e magia. Ho scelto anche la tartaruga perché con la sua lentezza esprime l’osservazione calma e riflessiva che serve in questi casi.
I miei disegni sono semplici e colorati. Ho utilizzato matite colorate e un pennarello a punta fine per far risaltare i contorni“.
Il libro in pdf – Il video della storia su youtube

LUNETTO: UNA FAVOLA PER L’AUTISMO!
La fiaba ha un potere enorme, riesce ad arrivare oltre la razionalità del pensiero e delle spiegazioni più attente, portando il bambino a sentire “con la pancia” le emozioni e i vissuti dei personaggi. Ogni storia diventa lo spunto per parlare di tutte quelle contraddizioni del mondo a cui ogni fanciullo, durante la crescita, dovrà adattarsi. Ecco, dunque, che queste storie si configurano come un prezioso artificio culturale e pedagogico che racchiude in sé il forte potere di penetrare negli angoli più segreti del cuore per toccare sentimenti nascosti.
La fiaba di Lunetto nasce con l’alto scopo di educare alla diversità, cercando di infondere nei più piccoli una maggiore sensibilità verso i compagni che vivono in questo limbo indefinito che la scienza ha nominato “spettro autistico”.
Il video della fiaba su youtube

MARTINO PICCOLO LUPO
Video presentazione del progetto (e del libro) “Martino Piccolo Lupo” di Gionata Bernasconi. Uno strumento per le scuole, le famiglie e le associazioni per parlare di Autismo con maggiore serenità.
Martino non è un cucciolo come gli altri: non ulula alla luna e adora mangiare le ciliegie. “Non sarà mai un vero lupo!”, dice il capobranco alla mamma lupa. Ma quando Martino incontrerà un’oca spaventata e una volpe affamata, tutti capiranno chi è veramente. Bisogna guardare oltre le apparenze e le diversità per conoscere Martino. Bisogna allontanare la nebbia per poter dire: “Benvenuto nel branco, piccolo lupo!”. Una storia di animali per conoscere, attraverso la metafora, le problematiche legate all’autismo ed entrare in relazione con chi appare “diverso”. Una pagina finale è dedicata alla presentazione di Fondazione ARES (Autismo Ricerca e Sviluppo) con il quale il libro è realizzato. Età di lettura: da 3 anni.
https://vimeo.com/200235262

IL GATTINO BLU
Nella famiglia Miao ci sono mamma gatta, papà gatto e i figli micetti: Flit, bianco come la mamma e Birba grigio come il papà, Nana un po’ bianca e un po’ grigia, e poi c’è Blu che è, appunto, di colore blu.
Un gatto tutto blu, bisogna dirlo, nessuno se lo aspettava e, per aggiungere strano allo strano, il suo essere blu lo rende particolare. Essere blu per un gattino fa proprio una gran differenza.
Blu vede il mondo in modo diverso dagli altri gatti. A volte, mentre i suoi fratellini giocano, Blu sembra non far caso a loro, pare assorto nei suoi pensieri, irraggiungibile. Altre volte i loro miagolii gioiosi diventano assordanti e lui deve correre a nascondersi dentro la cesta, sotto un mucchio di cuscini.
Tutti devono fare un grande sforzo per capire Blu ma, con un po’ di impegno…
Qui tutta la storia da raccontare e le attività da proporre

CIPPILÙ, LO SCOIATTOLO DEL PIANETA BLU
Una fiaba per spiegare ai bambini le difficoltà di comunicazione che possono incontrare i loro compagni con autismo e come l’uso delle immagini può diventare un canale comunicativo privilegiato con loro. Contiene una scheda didattica da usare con la classe. Per i bambini può essere complesso entrare in relazione con un compagno autistico, per le caratteristiche proprie di questa condizione. Capire che si può comunicare anche con un amico speciale trovando nelle immagini un linguaggio comune, può essere di grande aiuto, perchè permette di entrare in contatto, esprimere i propri bisogni, i propri stati d’animo, capirsi e imparare a relazionarsi. Autrice è Tiziana Capocaccia
Clicca qui per scaricare il pdf del libretto illustrato

IL PAESE BILINGUE
“Il paese bilingue” è un racconto realizzato dai bambini di una 3^ Primaria che hanno partecipato ad un concorso per il quale è stato chiesto, con la guida dei loro insegnanti, di confrontarsi con la Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità affinché, attraverso l’espressione della loro creatività, fossero stimolati alla riflessione sul tema dell’inclusione sociale. Questa storia è molto “reale” e molto bella perchè all’interno della classe è presente una bambina che utilizza la comunicazione aumentativa per imparare a comunicare.
www.youtube.com/watch?v=vyWldCXHMK8

MON PETIT FRERE DE LA LUNE – Mio fratellino dalla Luna
La voce fuori campo spiega il personalissimo “filo d’oro” che ha realizzato col fratellino autistico. In francese con sottotitoli in italiano e doppiato in italiano
www.youtube.com/watch?v=_KvHeQ9M7bswww.youtube.com/watch?v=Z_TPaeD7VU8

IL MIO AMICO
Una bella canzone di Gianni Morandi sulla disabilità, uno specchio del mondo visto con uno sguardo diverso
www.youtube.com/watch?v=P10vpps6EoI

Per i più grandi

IL CIRCO DELLA FARFALLA
É un cortometraggio della durata di circa 20 minuti e vale la pena di dedicargli questi pochi minuti. Bellissimo cortometraggio che insegna e fa riflettere su tante cose. Una di queste è proprio che la vera bellezza e ricchezza sta nella diversità. Che ognuno di noi ha qualcosa da imparare dal diverso. Che la diversità unisce e non separa. Che siamo tutti fratelli e uniti.
youtu.be/jjOmiLerT7o

IL FILM. TOMMY E GLI ALTRI
‘Tommy e gli altri’, il bel film on the road sui ragazzi autistici e i loro genitori
www.tommyeglialtri.comSinossi e spunti di riflessione AgiScuola

ATYPICAL – L’AUTISMO IN UNA SERIE NETFLIX
Un adolescente con disturbi dello spettro autistico decide di trovarsi una ragazza e il suo bisogno d’indipendenza spinge l’intera famiglia a rimettersi in discussione. Due stagioni di 8 episodi di circa trenta minuti, ambientati a Los Angeles, raccontano la vita di Sam (Keir Gilchrist), giovane diciottenne affetto da sindrome dello spettro autistico alla ricerca di amore e indipendenza. Intorno al protagonista le storie del suo nucleo famigliare: la sorella iper-responsabilizzata e trascurata, il padre che cerca di ricostruire un rapporto con il figlio dopo la non accettazione iniziale della diagnosi e la madre “casalinga disperata” ed iperprotettiva.
Il motto di Atypical “La normalità è sopravvalutata” rende bene l’idea di cosa ci si debba aspettare dalla serie: Sam, che compie un viaggio introspettivo per rispondere alla fatidica domanda “che cosa significa davvero essere normali?”, emoziona e diverte gli spettatori.
Pagina di Netflix relativa alla serie
La fiaba ha un potere enorme, riesce ad arrivare oltre la razionalità del pensiero e delle spiegazioni più attente, portando il bambino a sentire "con la pancia" le emozioni e i vissuti dei personaggi. 
Ogni storia diventa lo spunto per parlare di tutte quelle contraddizioni del mondo a cui ogni fanciullo, durante la crescita, dovrà adattarsi. 
Ecco, dunque, che queste storie si configurano come un prezioso artificio culturale e pedagogico che racchiude in sé il forte potere di penetrare negli angoli più segreti del cuore per toccare sentimenti nascosti. 
La fiaba di Lunetto nasce con l'alto scopo di educare alla diversità, cercando di infondere nei più piccoli una maggiore sensibilità verso i compagni che vivono in questo limbo indefinito che la scienza ha nominato "spettro autistico".

Sotto il video/fiaba da vedere alla LIM in classe. 
 

giovedì 13 febbraio 2020

Una fiaba per parlare di dislessia ai bambini, a casa e a scuola.

“Buongiorno, sono la B”  di Sabrina Fusi

Buongiorno, mi presento: sono la B.
Ora non cominciate a dire “ah sì, quella con due pance!”, perché non è carino...

Vorrei raccontarvi una storia che mi è successa giusto l'anno scorso, nella scuola elementare dove lavoravo.

La classe in questione era la seconda D (...quella con una pancia!).

Me ne stavo bella bella sul mio cartellone appeso al muro, aspettando i bambini che entravano. Era il primo giorno di scuola.

In particolare ne aspettavo uno.

Dovete sapere che l'anno prima, avevo conosciuto un bambino davvero speciale. E lui...beh, lui non ne voleva sapere di me. Avevo provato a presentarmi a lui in tutte le maniere, volevo diventare sua amica, ma lui sembrava lo facesse apposta a ignorarmi. A volte invece di dire il mio nome, diceva “D”... prosegue...

CLICCA QUI PER SCARICARE IL TESTO COMPLETO!

Ecco l'animazione della storia... da vedere alla LIM in classe.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...