AUMENTA O DIMINUISCI IL TESTO DEL BLOG...

Ricerca personalizzata

domenica 27 luglio 2014

AUTISMO E CAMBIAMENTO DELLE STAGIONI, SUGGERIMENTI PER GESTIRE L'ANSIA

Durante il periodo estivo,  il cambiamento dalle routine invernali, stabili e costanti,  crea, nei bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico,  una forte ansia. Ecco dei piccoli suggerimenti pubblicati sul sito http://www.portale-autismo.it per ridurre l’ansia del bambino durante l’estate!

Degli studi condotti sull’ ansia nei  bambini e adolescenti con autismo, mostrano che quasi il 40% hanno livelli elevati di ansia, o almeno un disturbo d’ansia (1). Non c’è da meravigliarsi, quindi, che i drammatici cambiamenti nella routine, il tempo, e l’ imprevedibilità caratteristici della stagione estiva aumentino lo stress e l’ansia. Sebbene la ricerca non abbia ancora determinato con certezza se l’ansia sia un sintomo dell’ autismo o disturbo in comorbidità, è provato come esso aumenti la compromissione funzionale (2).
Sebbene non esistano dei mesi o una stagione facile e tranquilla per le famiglie dei bambini con autismo, l’estate può quindi essere un periodo  particolarmente impegnativo.
Il supporto e il team di professionisti  che in genere circondano il bambino durante l’anno scolastico si perdono una pausa estiva, il genitore è cosi, molto spesso, costretto a diventare non solo il caregiver primario, ma anche l’insegnante, terapeuta, compagno di giochi, e altro ancora.
I bambini sono molto perspicaci e possono sentire e percepire  lo stress che incombe in questo periodo nei genitori.
E’ importante quindi ricordare che, anche se ci si sente sopraffatti e frustrati, è meglio cercare di mantenere la calma, in modo composto e organizzato. Questo non è affatto un compito facile, ma con questi suggerimenti ci si può provare.

# 1: Fate un passo indietro e osservate
Prima di poter attuare delle strategie come combattere l’ansia è utile conoscere e concepirne la causa. Prendetevi il tempo per osservare attentamente il vostro bambino. Notate se lui o lei è più ansioso ad una certa ora del giorno, prima o dopo una certa attività, o quando interagisce con un materiale specifico, un elemento o individuo. Potrebbe non essere in grado di individuare la paura esatta in sé, ma scoprendo l’attività è un passo enorme. In altre parole, se il vostro bambino diventa ansioso quando si deve fare un viaggio in macchina, non si può sapere se lo  è a causa di una paura di un incidente o perché a lui o a lei ha una forte antipatia per quel determinato movimento. In entrambi i casi, sapendo che, nel nostro esempio, il viaggio in auto è una fonte di ansia consente ai genitori di prendere determinate misure per intervenire e ancor meglio per anticipare.
E ‘ buona abitudine prendere appunti come su un registro, un diario delle vostre osservazioni.
Esso diventerà non solo parte attiva del processo di osservazione, ma servirà anche come un metodo per voi per riflettere sui piccoli cambiamenti che vengono altrimenti persi in una vita frenetica. Per ora è meglio  concentrarsi sulla scrittura dei punti chiave piuttosto che tentare di preservare una sequenza di eventi.

# 2: Aiutare e aiutarsi  
Continuiamo con l’esempio della gita in auto. Se giri in macchina sono causa d’ ansia si può quindi prendere in considerazione, ovviamente, riducendo al minimo i viaggi, per quanto possibile. Tuttavia, poiché il bambino, prima o poi, dovrà lasciare casa  è consigliato  utilizzare delle strategie di stimolazione sensoriale che sono note per favorire l’ aumento della serotonina e della dopamina nel cervello (e quindi aumentarne di conseguenza  autoregolamentazione e sensazioni piacevoli) questo è un modo intelligente per ridurre al minimo i problemi lungo la strada.
Le idee possono consistere nell’ appendere ai finestrini dei fogli o tendine di colori o trame particolari, la riproduzione di musica tranquilla, strumentale o di sigle televisive, utilizzare un diffusore di profumo e controllare l’aria condizionata per consentire un clima confortevole all’interno dell’abitacolo. Bisogna ricordarsi ed essere consapevoli che anche un movimento, a noi impercettibile, potrebbe essere la causa di stati d’ansia poiché non impercettibile a loro.

# 3 Anticipare i cambiamenti di temperatura
Un altro esempio di una possibile causa d’ansia potrebbe essere il caldo estivo e le brusche variazioni tra fresco (aria condizionata) e caldo (fuori) (3). I bambini con autismo hanno difficoltà a regolare i loro livelli di serotonina del cervello, requisito di termoregolazione sul corpo, bisogna quindi regolare la temperatura circostante.
Se il bambino non può esprimere verbalmente o attraverso supporti di C.A.A. quello che genera in lui o lei lo stato di disagio, si potrebbe inconsapevolmente contribuire ad un aumento dello stress sul sistema di regolazione della temperatura corporea, magari sottoponendolo a corse, giochi al coperto o all’ esterno, i campeggi, i pic-nic, eccetera.
La regola generale è quella di apportare le modifiche nel modo più graduale possibile. Se in casa c’è l’  aria condizionata, raffreddare la macchina per alcuni minuti prima entrare. Accompagna il bambino in macchina, se possibile, il più vicino alla destinazione. Se si deve parcheggiare in un luogo distante, abbassare i finestrini per  permettere al caldo di entrare in macchina in modo graduale e favorire cosi l’uscita dalla macchina.


# 4 Strategie comuni di prevenzione dell’ansia
 Ecco alcune idee più “best practice” che aiutano molti ragazzi a combattere lo stress.
 - Relax
Non tutti sanno che i tempi di inattività sono una componente fondamentale della crescita del cervello.
E ‘un momento in cui le nuove informazioni vengono integrate e consolidate con i ricordi, contribuendo alla personalità e alle competenze funzionali di tutti i giorni. Ricordandoci di questo, meglio non cercare di imitare il programma dell’ anno scolastico. Correre da un’attività all’altra può essere una fonte di stress per voi e il bambino. Relax.
 - Strutturazione visiva
Un programma visivo è un modo per anticipare attraverso l ‘aiuto di immagini quello che avverrà in modo che il bambino possa elaborare mentalmente i prossimi passaggi da fare. Fate un divertente calendario mensile e settimanale ben strutturato e mettetelo in una posizione comoda per il bambino.
- Fate una passeggiata
L’esercizio fisico aumenta le endorfine, protegge i neuroni esistenti e migliora la plasticità cerebrale globale (4). Camminare immersi  nella natura è un’esperienza utile anche perché viene arricchita con i profumi selvatici, i panorami, e con i suoni della natura.
- Istituire una zona senza ansia
E ‘sempre una buona  strategia avere uno spazio in casa dove i bambini possono rifugiarsi e sentirsi al sicuro. Addobbate questo  suo angolo con l’arte,con una varietà di tessuti,  profumi piacevoli, e un impianto stereo con la musica classica. Parchi gioco e giardini sono aree sicure non strutturate dove un bambino può giocare e scoprire.
In conclusione, ricordatevi di fare un passo indietro e osservare qualsiasi situazione di ansia.  Arricchire l’ambiente con stimolazioni sensoriali. Ridurre lo stress. Esercizio. Esplorare la natura. Respirare.

riferimenti:
  1. van Steensel, F. J. A., Bogels, S. M., & Perrin, S. (2011). Anxiety disorders in children and adolescents with Autistic spectrum disorders: a meta-analysis. DOI: 10.1007/s10567-011-0097-0
  2. Green, S. A. & Ben-Sasson, A. (2010). Anxiety disorders and sensory over-responsivity in children with Autism spectrum disorders: Is there a causal relationship? DOI: 10.1007/x10803-010-1007-x
  3. Sheard, M. H., Aghajanian, G. K. (1967). Neural Release of Brain Serotonin and Body Temperature. DOI: 10.1038/216495a0
  4. McGovern, M.K. (2005). The effects of exercise on the brain. Retrieved from http://serendip.brynmawr.edu/bb/neuro/neuro05/web2/mmcgovern.html

LAP-BOOK DIDATTICI, 20 MINI-LIBRI DA SCARICARE GRATUITAMENTE


I lapbook  di homemademamma, consistono in una raccolta di mini libri utili per i bambini di 5 e 6 anni, utilizzabili anche per la scuola elementare per gli alunni con una disabità medio/grave!

Questi mini-libri didattici  sono utili non solo in classe ma anche a casa come attività di preparazione o per i famosi "compiti per casa"... riguardano la matematica l'italiano e la logica!

Clicca per visualizzarli o scaricarli:
Vedi anche: QUATTRO MINI-LIBRI DIDATTICI PER I BAMBINI DI 5/6 ANNI, SCARICALI GRATUITAMENTE!


QUATTRO MINI-LIBRI DIDATTICI PER I BAMBINI DI 5/6 ANNI, SCARICALI GRATUITAMENTE!

Sempre a caccia di utilità da usare con i nostri piccoli alunni, questa volta vi segnalo 4 mini-libri!!! Sono adatti per i bambini di 5 e 6 anni... ovviamente utilizzabili per i bambini con disabilità in base alle necessità che presentano!

Queste risorse provengono dal sito homemademamma gestito da Paola, una mamma a tempo pieno, una pedagogista part-time... 

Ecco tutti i libretti che potete scaricare gratuitamente:
Vedi anche: LAP-BOOK DIDATTICI, 20 MINI-LIBRI DA SCARICARE GRATUITAMENTE

 

venerdì 25 luglio 2014

UN VIDEO PER COMPRENDERE E AIUTARE UNA PERSONA AFFETTA DA SINDROME DI ASPENGER

A volte ci mancano le parole per spiegare cosa sia una specifica sindrome o disabilità, ma spesso notiamo come ci sia la necessità di un intervento educativo mirato verso il gruppo classe! 
E' essenziale rendere coscienti i bambini fin da subito della situazione di uno dei compagni in modo da aiutarlo maggiormente nel suo percorso di crescita... In alcuni casi bastano alcune parole dette con il cuore, in altri casi c'è la necessità di imprimere maggiormente la sensibilità e l'attenzione! 

Vi propongo la visione di questo video che sicuramente aiuta maggiormente a comprendere le difficoltà di una persona con sindrome di ASPENGER...


SUGGERIMENTI PER L'EDUCAZIONE DEI SOGGETTI AUTISTICI

Anche i consigli educaivi sono essenziali per la gestione di un bambino con disabilità, per molti casi gravi le figure di riferimento hanno bisogno di consigli e suggerimenti per aiutare i propri figli o i propri alunni... Oggi vi segnalo il sito http://salute.uncome.it/ ricco di spunti! Da questo portale ho tratto alcuni punti essenziali per la gestione educativa dei bambini/ragazzi affetti da autismo!

1. Nell'educazione di un figlio autistico, è importante sapere che cosa deve imparare a seconda della sua età di sviluppo nelle diverse aree. Se il bambino autistico non impara allo stesso ritmo dei bambini della sua età, non bisogna rinunciare. È importante offrirgli diversi tipi di supporto e strumenti, e insistere ma senza assillarlo.Bisogna sapere:
  • segnalare visivamente quello che desideriamo da lui e ciò che non desideriamo;
  • l'eccesso di informazioni verbale potrebbe infastidirlo molto, bloccandolo;
  • dividere il suo compito in piccoli passi, con le immagini corrispondenti;
  • insistere sempre con affetto e pazienza per le azioni necessarie.
2. Le istruzionivanno fornite in modo adeguato, altrimenti non capirà ciò che gli viene detto, dandoci l'impressione di non ascoltare.
Prima inizia con istruzioni semplici: fermo, siediti, dammi, prendi, guarda, posa, togli dal cassetto... L'adulto deve dare l'istruzione guardandolo in faccia e pronunciando frasi brevi non più lunghe di tre parole (per assicurarti che colga il messaggio). Se dopo qualche istante il bambino non esegue ciò che abbiamo chiesto, lo guidiamo nell'azione richiesta. Una volta realizzato il compito, è positivo elogiarlo, in modo che capisca che ha fatto esattamente ciò che ci si aspettava da lui e sia incentivato a ripeterlo da solo.
Quando sarà in grado di farlo da solo, puoi chiedere a un parente o conoscente di chiedergli la stessa cosa affinché non si limiti a farlo solo quando glielo chiedono suo padre o sua madre. Quando avrà familiarizzato con una richiesta, puoi aumentare gradualmente le parole che usi per formularla.
È importante:
  • Non dare istruzioni quando il bambino è distratto.
  • Non fare la richiesta da lontano, o quando il bambino sta facendo un'altra cosa.
  • Dare l'istruzione faccia a faccia.
  • Non ripetere l'istruzione. Una volta è sufficiente.
  • Non lasciare che la richiesta resti incompiuta.
  • Evita parole o frasi che possono confondere il bambino.
3. Le norme di comportamento sono importanti in casa, come per qualsiasi altro bambino. Non bisogna giustificarlo perché è autistico, ed è importante chiedergli un comportamento adeguato.
Anticipagli i comportamenti richiesti. Esponi, in una parte della casa in cui siano ben visibili, le norme o abitudini che ci si aspetta e non ci si aspetta da lui.
4. Come qualsiasi altro bambino, quando riesce a fare un progresso gli piace essere elogiato per lo sforzo compiuto. E, come tutti, il fallimento è difficile da digerire. È molto utile con i bambini e le bambine con autismo utilizzare frasi positive e gesti per indicare che hanno fatto un buon lavoro e questo è ciò che ci aspettavamo da loro.
Inoltre, è importante potenziare ciò che sanno fare bene, ad esempio cantare, disegnare, fare cartoline... scopri cosa sa fare bene tuo figlio e potenzialo.


giovedì 24 luglio 2014

NORMATIVA DSA, CONSEGUIMENTO DELLA PATENTE E DEL PATENTINO PER I CICLOMOTORI

Sul tema e' intervenuta la Circolare Prot. Div6 98013/23.03.05 del 25/10/2007 con cui il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dispone che ''i candidati al conseguimento delle patenti di guida delle categorie A e B affetti da dislessia potranno fruire dei files audio durante la prova di teoria, allegando alla documentazione di rito, oltre al certificato di uno dei sanitari di cui all'art. 119, comma 2, del Decreto Legislativo del 30 aprile 1992, n. 285 "Nuovo Codice della Strada" (o laddove ricorrano i presupposti, della commissione medica locale), un certificato di un medico neuropsichiatra in cui e' specificamente attestato che il candidato ''e' affetto da disturbo specifico di apprendimento della lettura (o dislessia) e/o scrittura (o disortografia)''.

  • Art 116 del Codice della strada: certificazioni richieste per il conseguimento del patentino: in giallo gli articoli di interesse clicca qui  (doc)
 

mercoledì 23 luglio 2014

"IOCAPISCO", COLLANA DI LIBRI DIDATTICI DA SCARICARE E ACQUISTARE

Ecco a voi alcune schede scaricabili gratuitamente, tratte dalla collana "IOCAPISCO". In particolare riguardano la grammatica e la matematica, peccato che non sono interamente scaricabili ma per chi li trova utili e ben fatti c'è la possibilità di comprarli con un prezzo davvero basso, intorno ai 2 euro... ecco il sito di riferimento http://www.saperepiuonline.com .

Intanto potete stamparne alcune pagine:
Scheda didattica Titolo e Obiettivo Scarica Gratis
sdpregrf06 cop 220x275 
   
Io capisco - Grammatica
LE ANDATURE DEGLI ANIMALI


Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: eseguire percorsi
e saper tracciare linee spezzate e curve.
 pdf download
 sdpregrf20 cop 220x275
Io capisco - GrammaticaPAROLE E FRASI CON VOCALI
Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: riconoscere e
produrre le vocali; saper riconoscere
e scrivere le vocali.
 pdf download

 sdpregrf43 cop 220x275
Io capisco - Grammatica
LA CONSONANTE "D"

Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: riconoscere e
produrre le unità fonematiche connesse
alla consonante “D”;
saper riconoscere e produrre
le unità fonematiche Da – De
Di – Do – Du.
 pdf download

sdorto72 cop 220x275
Io capisco - GrammaticaGRUPPI SC - GN - GL
Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: saper
riconoscere e produrre i
digrammi SC - GN – GL.
 pdf download

 sdorto93 cop 220x275
Io capisco - Grammatica
HO
- HAI - HA - HANNO
Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: saper
intuire la funzione del verbo
avere “HAI”: sentire, possedere,
avere.
 pdf download

 sdorto97 cop 220x275


Io capisco - Grammatica
"H" OPPURE SENZA "H"?

HAI - AI
Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: saper
intuire la funzione del verbo
“AVERE” nella seconda persona
singolare e distinguerlo dalla
preposizione articolata.
 pdf download

 sdmat04 cop 220x275
Io capisco - Matematica
GLI INSIEMI E LE MANI


Obiettivo di apprendimento e

competenza attesa: conoscere
i numeri fino a 10 contando con
le dita, comprendere la quantità
e operare con essa.
 pdf download

 sdmat08 cop 220x275
Io capisco - Matematica
QUANTITA' MAGGIORE,
MINORE E UGUALE
Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: paragonare
le quantità e operare con la quantità.
 pdf download

 sdmat11 cop 220x275
Io capisco - Matematica
NUMERI CHE FORMANO ALTRI
NUMERI: LE COPPIE DA 5 A 7

Obiettivo di apprendimento e
competenza attesa: paragonare
le quantità e operare con la quantità.
 pdf download

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...